cadutacapellistop.it

Rimedi alla caduta dei capelli - Come bloccare la caduta dei capelli per sempre

Telogen Effluvium

fc.JPG

Il Telogen Effluvium:

 

In campo medico si individua con il termine di telogen effluvium il fenomeno caratterizzato da una caduta di capelli molto intensa (diradamento) ma, senza che compaiano sul cuoio capelluto, chiazze glabre. Il telogen effluvium è un fenomeno alquanto comune negli uomini e donne di razza caucasica.

Un tipico caso di telogen effluvium si vede nella donna dopo una gravidanza per effetto della cessazione dell’effetto protettivo degli estrogeni.

Tipologia

 

Esistono sostanzialmente due forme:

  • Telogen effluvium acuto: la caduta avviene in forma improvvisa, rapida e violenta, in genere la sua durata è di circa tre mesi, trascorsi i quali il più delle volte si ha una ricrescita quantomeno parziale e alcune volte anche totale.
  • Telogen effluvium cronico: nel caso cronico della patologia il fenomeno si presenta con tempi molto più lunghi e quasi sempre in forma irreversibile, formando ampie zone di diradamento.

    Sintomatologia

    L’unico segno clinico d’ausilio alla diagnosi è il conteggio dei capelli caduti dopo un lavaggio e/o al mattino lasciati sul cuscino (non inferiori a 100 unità).

     

    telogen_effluvium-1.jpgtelogen-effluvium-4.jpgtelogen-effluvium-5.jpg

    Eziologia

    Le cause (seppur a oggi ancora incerte) possono presumibilmente essere molteplici e sempre associate ad un arresto delle mitosi pilari, infatti osservando la sincronizzazione dei cicli si riesce a comprendere con sufficiente approssimazione, quanto sia grave l’evento e a stimare di conseguenza quanti capelli perderà il soggetto.

    telogen-effluvium-3.jpgtelogen-effluvium-2.jpg

    Altre cause che si ritiene a buon ragione di poter associare al fenomeno, sono: trauma, chemioterapia, interventi chirurgici subiti e relativo stress, carenze o eccesso di ormoni tiroidei (ipotiroidismo o ipertiroidismo), carenze proteiche nutrizionali, anemia sideropenica (da carenza di ferro) e carenza di oligoelementi (selenio, zinco etc.).

    Terapie

    Mentre nella forma acuta della patologia generalmente è sufficiente rassicurare la persona che recupererà i capelli perduti, nella forma cronica la terapia ad oggi più accreditata consiste nella somministrazione di corticosteroidi, come ad esempio il prednisone (dose massima 0,25 mg/Kg al dì). Naturalmente in presenza di una malattia associata bisogna curare prima quest’ultima.

  •  

    Bad Behavior has blocked 167 access attempts in the last 7 days.

    Chiudi
    Invia e-mail
    In questo sito web usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile.
    Ok